EnglishItalian

Il comparto tessile e dell’abbigliamento moda, numeri e tendenze all’appuntamento con la svolta dopo la crisi. Perchè le difficoltà possono tramutarsi in opportunità?

Perché il settore tessile e dell’abbigliamento moda è in crisi?

Tra i primi importanti settori manifatturieri e contributori della bilancia commerciale in Italia, il comparto tessile e dell’abbigliamento moda ha sofferto il 2020 come il peggiore anno della sua più recente evoluzione a causa dell’emergenza sanitaria causata dal Covid-19. Le esigenze di cambiamento, la disponibilità a soluzioni  performanti, la presenza di modelli di business innovativi e lo sviluppo di prodotti inediti hanno dovuto essere accantonati per affrontare i numeri della crisi. I più recenti dati parlano di un comparto che stima una perdita del 30 per cento del fatturato, di una filiera che disperde la trama del suo valore, di aziende – specie le piccole e medie imprese – in forte difficoltà.

Perché la crisi del settore segna un punto di svolta nei modelli di business delle aziende?
L’emergenza sanitaria e l’accelerazione di nuovi stili di vita hanno comportato una forte contrazione della produzione dell’abbigliamento moda e del fatturato del settore. Molte aziende hanno accettato la sfida della riconversione. Laddove il modello di gestione era forte, questa è stata parziale e ha aperto la strada ad un nuovo business. E’ il caso di Dress & Company, che ha lanciato sul mercato delle forniture sanitarie una Divisione per la produzione di mascherine e altri dispositivi di protezione. Nel contempo, non ha abbandonato la strada della ricerca e dell’innovazione. L’obiettivo è quello di fare più performante la sua produzione conto terzi e rafforzare i brand di Collezioni Moda Donna che gestisce.

Perché le difficoltà dell’abbigliamento moda possono diventare un’opportunità di business?
Le analisi di mercato prevedono un rilancio del comparto moda. L’approccio ottimistico nel varo di nuove produzioni e si deve misurare con le nuove tendenze, si deve fare forte di un serrato controllo di gestione circa la stagionalità delle collezioni, deve applicare la competenza sartoriale ai trend di un mercato sempre più attento al fast fashion e al vestire ispirato alla sostenibilità. E’ quanto Dress & Company ha scritto nell’agenda dei suoi prossimi mesi.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Hai già pensato al tuo nuovo fornitore per la produzione di capi d'abbigliamento in conto terzi? Se hai domande o curiosità, compila il form di seguito con i tuoi dati, saremo lieti di rispondere alle tue richieste nel più breve tempo possibile!

    Whatsapp
    Invia su WhatsApp